Scegliere un condizionatore in base alla potenza: ecco alcuni consigli

Posted on by debora in Consigli utili Commenti disabilitati su Scegliere un condizionatore in base alla potenza: ecco alcuni consigli

condizionatori--Il condizionatore è il nostro migliore amico nel periodo estivo. Prima di acquistarlo, però, è bene valutare attentamente il modello più adatto alle nostre esigenze. E per farlo dobbiamo tenere in considerazione alcuni aspetti, quali il calcolo della potenza, l’efficienza energetica e le caratteristiche tecniche. Vediamoli nel dettaglio.

Abbiamo parlato del calcolo della potenza: ma come avviene? Prima di tutto è bene sapere che la potenza dei condizionatori si misura in BTU (British Termal Unit), anche se molto spesso possiamo trovare la potenza di caldo e freddo (in questo caso viene espressa in Watt). Per valutare il modello più idoneo alle nostre esigenze dobbiamo prendere in considerazione il tipo di potenza che necessita la nostra famiglia, e il nostro ambiente casalingo: un metodo di calcolo molto utilizzato consiste nel sommare tutti i metri quadri della casa e moltiplicarli per i Btu.

Tuttavia, nel fare questo calcolo dobbiamo considerare alcuni elementi: la presenza di eventuali finestre o porte, il numero delle persone che vivono nell’appartamento, l’esposizione al sole dello stabile, e così via. Di solito (giusto per avere un’idea) gli ambienti composti da 20 metri quadri necessitano di un condizionatore con potenza da 6/8000 Btu. Negli appartamenti da 50 metri quadri, invece, si può stare su un apparecchio con potenza compresa tra i 15 e i 18000 Btu.

Abbiamo, poi, parlato di efficienza energetica: a questo proposito, la direttiva europea 2002/31/CE stabilisce che anche i climatizzatori devono avere la targhetta energetica (proprio come accade già per altri elettrodomestici). La classe di efficienza energetica è determinata da due valori: l’EER(Energy Efficiency Ratio, ovvero l’efficienza frigorifera) e il COP(Coefficient of Performance, ovvero l’efficienza della modalità riscaldante).

La scala dell’efficienza energetica, come per tutti gli altri elettrodomestici, parte dal gradino più basso e viene “etichettato” con la lettera G, e arriva in cima (ovviamente la lettera di riferimento è la A). Al fine di ridurre i consumi, e la produzione di anidride carbonica, sono stati prodotti condizionatori con classe di efficienza energetica pari ad A. Ora non vi resta che scegliere, e fare il vostro acquisto!


Casa ecologica: ecco le etichette green

Posted on by debora in Consigli utili Commenti disabilitati su Casa ecologica: ecco le etichette green

etichette-greenVuoi vivere in modo sano, e senza inquinare il tuo ambiente? Purtroppo, però, non sempre è possibile: nei capi che indossiamo, infatti, molto spesso non si capisce nulla dall’etichetta. O meglio, non sempre riusciamo leggerla! Ecco piccola guida: facile, veloce ed utile.

Partiamo proprio dai trucchi: come fai a capire se il make up che usi ogni giorno sia green? Devi sapere che nella cosmesi esistono degli enti di certificazione predisposti proprio per questo settore. Cerca, a questo proposito, i simboli Agricert Bio&Natural Cosmetic Standard, oppure Ecocert o Cosmebio.

Questi marchi certificano che vengono utilizzati ingredienti naturali, e che al loro interno non si trovano derivati del petrolio, coloranti sintetici oppure siliconi e parabeni. Per quanto riguarda, invece, i vestiti, e in generale tutto l’abbigliamento, allora puoi cercare determinati simboli.

Uno di questi è Oeko Tex: si tratta di un marchio che certifica che il tessuto è anallergico. Non dichiara, quindi, che il tessuto sia biologico o naturale, ma attesta che a contatto con la pelle non provoca irritazioni. Gots, invece, è la certificazione internazionale più conosciuta al mondo.

Global Organic Textile Standard controlla l’intera produzione: dalla semina della materia prima fino al confezionamento finale. Insomma, un processo sempre sotto la lente di ingrandimento, e che viene attestato da controlli più che severi. Infine, parliamo di Naturtexti IVN: si tratta di una certificazione tedesca, ma si trova anche in Italia. I vestiti vengono prodotti al 100% con fibre naturali, e i controlli sono severi e rigidi, tanto che anche i bottoni (che possono venire a contatto con la pelle) sono controllati, e testati.

Insomma, il mondo ecosostenibile si sta allargando, e fortunatamente numerose aziende si stanno attrezzando per garantire prodotti naturali e controllati. Queste appena descritte sono solo le prime aziende 100% green, ma siamo certi che in futuro aumenteranno: l’ambiente ha bisogno del rispetto di tutti.


Scegliere un condizionatore: split o monoblocco?

Posted on by debora in Consigli utili Commenti disabilitati su Scegliere un condizionatore: split o monoblocco?

condizionatoriState pensando di acquistare un condizionatore, ma non sapete da che parte iniziare? L’acquisto di questo tipo di elettrodomestico è una scelta importante. Dopo aver optato per il modello idoneo alle nostre esigenze, è bene accertarsi che sia provvisto del marchio IMQ. Infine, è bene ricordarsi di effettuare una corretta installazione dell’apparecchio, e una buona manutenzione. Tuttavia, il primo passo da fare è scegliere il modello più adatto all’esigenza della propria famiglia.

Il meccanismo di funzionamento di un condizionatore è molto semplice: è composto da un motore che comprime uno speciale gas refrigerante nel condensatore. Qui, il gas si raffredda e diventa liquido. Attraverso un circuito ben protetto, il liquido passa nell’evaporatore dove a temperature molto basse si espande, ritornando alla forma di gas. Questo elemento poi si riscalda e torna al compressore, per ricominciare nuovamente il giro.

In commercio esistono due diversi tipi di condizionatore: split e monoblocco. Il primo tipo, ovvero quello split, è composto da due elementi. Il primo è posto all’interno dell’appartamento, e contiene l’evaporatore, un sistema di ventilazione (necessario per convogliare l’aria calda dell’ambiente all’interno dell’evaporatore. Da qui ne uscirà raffreddata), ed il compressore. Il secondo elemento, invece, è esterno e comprende il condensatore e il ventilatore. Queste due sezioni sono collegate da una canaletta contenente i due tubi del gas refrigerante, ed un cavo elettrico.

Il Condizionatore monoblocco, invece, è composto da un unico elemento. Al suo interno sono racchiusi il circuito frigorifero, le ventole ed il compressore. Attraverso un tubo snodato, viene convogliata l’aria calda fuori dalla stanza da raffreddare.

Il modello split è molto più conveniente del monoblocco per due motivi: innanzitutto, è più silenzioso e poi utilizza l’aria esterna per raffreddare il condensatore. In questo modo, si evita che l’aria della stanza vicina possa disturbare l’effetto rinfrescante e deumidificante. Tuttavia, c’è anche da evidenziare che il modello monoblocco è molto più maneggevole: è possibile, infatti, spostarlo con grande facilità.

Adesso non vi resta che scegliere: il caldo torrido sta per arrivare!


il Micca Club scopriamolo

Posted on by andrea in Consigli utili Commenti disabilitati su il Micca Club scopriamolo

 

micca clubUno dei locali tematici, che sta vivendo una continua crescita dal punto di vista di pubblico ma anche di offerta per quanto riguarda la programmazione, sia quella estiva che invernale, è il Micca Club. Il locale, situato in pieno centro a Roma, dedica le sue serate particolari ad eventi ambientati in piena epoca vintage: dalle serate Burlesque ai concerti Rockabilly, dalle manifestazioni e mercatini dedicati al vinile, a quelli dedicati al vintage a tuttotondo. Read more


E’ l’ora degli happy hour: ecco come prepararli in modo sano

Posted on by debora in Consigli utili Commenti disabilitati su E’ l’ora degli happy hour: ecco come prepararli in modo sano

happy-hour-Happy Hour per tutti! O quasi. Già, perchè quando si è a dieta, raggiungere gli amici diventa un vero dramma: tra patatine, pizzette e finger food sfiziosi, la volontà (anche quella più ferrea) viene messa a dura prova. Ecco, allora, come reagire, organizzando a casa propria un happy hour salutare e per nulla pesante.

Iniziamo con i finger food: i tramezzini sono una parte immancabile nell’happy hour. Al posto delle salsine caloriche, e degli affettati ricchi di grasso, però, possiamo provare una variante più leggera. Prepariamo, prima di tutto una cremina a base di fagioli: frulliamo una scatola di cannellini, Tagliamo il nostro pane nero o in cassetta (purchè fatto con farina integrale), e farciamolo con la cremina precedentemente realizzata.

Aggiungiamo ora un cucchiaio di capperi strizzati, 1 caprino fresco e due cucchiai di olio extravergine di oliva. I vostri finger food leggeri e sani sono pronti per essere divorati. Ora passate alle ciotoline da posizionare in giro per la sala. Al posto delle classiche noccioline, puntate sui lupini.

Si tratta di un legume che ha numerose proprietà benefiche. Inoltre, masticandolo lentamente (ed assaporandolo) vi sentirete subito sazie, e se ben sminuzzati, digerirete molto meglio. I lupini si trovano in commercio in salamoia: prima di servirli, lavateli con l’acqua per eliminare il sale.

Infine, portate a tavola una caprese light: piccole porzioni, per un gusto tutto leggero. Tagliate a dadini i pomodorini, e fate la stessa cosa anche con la mozzarella. Ora prendete i vostri spiedini, e alternate un pezzo di pomodoro, uno di mozzarella e una foglia di basilico. Condite il tutto con due cucchiai di olio extravergine di oliva.

Insomma, il momento dell’aperitivo non è mai stato così sfizioso e salutare. L‘Happy Hour, seguendo piccoli accorgimenti, diventerà il vostro momento preferito.


S.o.S. ecolavaggio: ecco i consigli utili!

Posted on by debora in Consigli utili Commenti disabilitati su S.o.S. ecolavaggio: ecco i consigli utili!

ecolavaggiAnche il bucato contribuisce (in modo sostanzioso) all’inquinamento ambientale. Basta pensare che, ad ogni lavaggio, immettiamo nello scarico delle microparticelle di plastica che inquinano mari e fiumi. Tuttavia, esistono delle alternative che ti permettono di risparmiare in modo considerevole sia sulla bolletta che sugli sprechi. Vediamole insieme! Read more


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi