Partorire accresce il rischio di cancro al seno?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Lascia un commento

Le donne che hanno partorito di recente potrebbero andare incontro a un rischio maggiore di sviluppare il cancro al seno, secondo quanto afferma un nuovo studio. Di fatti, sebbene alcune ricerche passate suggeriscano che le donne che hanno figli tendono a sviluppare un rischio di cancro al seno più basso rispetto a coloro che non lo fanno, in realtà un gruppo di ricerca guidato dall’Università del North Carolina Lineberger Comprehensive Cancer Center ha riscontrato come la “protezione” dal cancro può richiedere più di 20 anni dopo il parto per assumere effetto.

In un’analisi di 15 studi prospettici condotti in tutto il mondo, i ricercatori hanno dunque scoperto che le donne che hanno avuto recentemente un bambino sono più a rischio di cancro al seno rispetto alle loro controparti senza figli, (dati pubblicati sulla rivista medica Annals of Internal Medicine). Read more


In Italia il super vulcano che spaventa l’Europa

Posted on by andrea in Ambiente ed inquinamento Commenti disabilitati su In Italia il super vulcano che spaventa l’Europa

campi flegreiSecondo quanto afferma una recente ricerca, un antico super vulcano che non ha eruttato negli ultimi 500 anni potrebbe essere coinvolto nell’inizio di una fase di attività che potrebbe condurre ad una colossale eruzione, un disastro potenziale per le comunità che si trovano sul suo territorio di riferimento e, probabilmente, per l’intera nazione.

L’area di turbolenza, nei Campi Flegrei, potrebbe dunque essere entrata in un nuovo ciclo di magma, secondo quanto almeno suggeriscono le nuove scoperte, le quali suggeriscono che il “sistema idraulico sub vulcanico” sta iniziando “una nuova fase di accumulo”. I ricercatori avvertono che questo potrebbe dar luogo “in un momento imprecisato del prossimo futuro”, a “un’eruzione di grande portata”. Read more


Malattie cardiache del cane legate agli alimenti senza cereali?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Malattie cardiache del cane legate agli alimenti senza cereali?

Negli Stati Uniti le segnalazioni di insufficienza cardiaca in cani che mangiano alimenti senza cereali stanno scatenando un’indagine della FDA. In particolare, il report dell’istituzione si concentra sull’aumento della cardiomiopatia dilatata canina (DCM), una malattia del muscolo cardiaco di un cane che si traduce in un cuore ingrossato, con la FDA che sta avvisando i proprietari di animali domestici e i professionisti veterinari di una potenziale relazione.

“Nel momento in cui il cuore e le sue camere si dilatano, diventa più difficile per il cuore pompare, e le valvole cardiache possono fuoriuscire, portando ad un accumulo di liquidi nel torace e nell’addome. Spesso il DCM si traduce in insufficienza cardiaca congestizia” afferma la FDA.

Se intercettato presto, i funzionari sanitari sostengono che il problema possa permettere alla funzione cardiaca di migliorare nei casi che non sono legati alla genetica. Read more


Depressione e cibo spazzatura, quali collegamenti?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Depressione e cibo spazzatura, quali collegamenti?

Mangiare cibo spazzatura aumenta il rischio di diventare depressi? Secondo quanto rivela un nuovo studio, la risposta potrebbe essere positiva, aprendo dunque nuovi margini di valutazione sul collegamento che potrebbe esistere tra il junk food e la depressione.

Per quanto concerne l’analisi di cui ora ci occuperemo, rammentiamo come team di ricercatori in Gran Bretagna, Spagna e Australia abbiano analizzato i dati di 41 studi multi-paese, trovando la possibilità  di collegare l’assunzione di cibi malsani con l’infiammazione cronica associata allo sviluppo della depressione clinica.

In particolare, gli alimenti trasformati ad alto contenuto di grassi portano all’infiammazione attraverso l’apparato digerente, arrivando fino al cervello e colpendo i neurotrasmettitori incaricati di regolare l’umore – afferma lo studio. Questa infiammazione sistematica ha effetti simili sul corpo come l’obesità, l’inquinamento e la mancanza di esercizio fisico, secondo gli autori dello studio. Read more


Videocitofono VoIP: i vantaggi a casa e in azienda

Posted on by andrea in Lavoro Commenti disabilitati su Videocitofono VoIP: i vantaggi a casa e in azienda

voip 2Le opportunità date oggi dai sistemi di comunicazione VoIP sono immense, sia per le aziende, sia per le comuni abitazioni. Tra i prodotti più interessanti degli ultimi tempi i videocitofoni VoIP rappresentano una delle novità che ci permettono di approfittare al massimo di questa nuova tecnologia.

Come funziona un videocitofono VoIP

Un comune videocitofono funziona tramite la rete elettrica di casa, che dal citofono esterno giunge fino a quello interno, in una linea analogica o digitale poco importa. Nel momento in cui qualcuno suona alla porta dall’interno dell’abitazione o dell’ufficio è possibile attivare una telecamera, che permette di verificare chi c’è alla porta; alcuni tasti permettono di aprire la porta o il cancello, di accendere le luci lungo il tragitto fino alla casa, di colloquiare con chi si trova all’esterno. I videocitofoni VoIP fanno tutto questo, ma tramite la rete internet, in modo digitale e in genere in alt qualità.

I vantaggi per chi usa questo dispositivo in casa

Per chi è in casa avere a disposizione un videocitofono VoIP permette di rispondere senza alzarsi per arrivare sino al citofono interno: è sufficiente installare una comoda app per lo smartphone, o per il tablet o il PC, per verificare chi sta suonando e aprire la porta, o anche accendere le luci, o attivare altre opzioni di vario genere. Una comodità estrema, che ci consente di ricevere una notifica che riguarda la presenza di qualcuno alla porta di casa anche mentre effettivamente siamo altrove. Le app dedicate a questo tipo di compiti infatti consentono la connessione con il citofono praticamente ovunque; mentre si è fuori casa e qualcuno suona è possibile verificare di chi si tratta, permettergli eventualmente l’accesso all’abitazione o anche comunicare con lui per rinviare l’incontro.

I vantaggi in azienda

In azienda valgono i medesimi vantaggi che si hanno in casa, con la maggiore comodità dovuta al fatto che in molte aziende il numero di persone che si presentano all’ingresso può essere molto elevato. Gli addetti all’accoglienza non dovranno costantemente spostarsi per verificare chi sia presente all’ingresso, basta infatti utilizzare un qualsiasi terminale, anche quello del computer su cui si sta lavorando ad altro. In più sono molteplici le opzioni aggiuntive che si possono collegare al videocitofono VoIP, ad esempio il controllo degli accessi all’azienda, con comunicazione diretta all’ufficio del personale, sempre tramite apposite applicazioni.

Servizi aggiuntivi

Trattandosi di un servizio digitale che comunica attraverso la rete internet il videocitofono VoIP consente un’ampia serie di personalizzazioni. Ad esempio esistono già oggi delle app che permettono di collegare il videocitofono all’impianto domotico disponibile in casa. Si possono collegare sensori di vario genere, con un sensore di movimento davanti al videocitofono che attiva la fotocamera non appena si presenta qualcuno alla porta ci sentiremmo tutti più sicuri, soprattutto considerando il fatto che le immagini ci raggiungeranno anche se ci troviamo all’estero in vacanza. I videocitofoni di questo genere possono anche permetterci di utilizzare lo smartphone come chiave d’accesso alla casa, o di consentirci di attivare delle luci o altre azioni a distanza.


Personalità borderline, ecco 3 sintomi per intercettarla

Posted on by Eleonora De Giorgio in Psicologia Commenti disabilitati su Personalità borderline, ecco 3 sintomi per intercettarla

Secondo alcune ricerche, sarebbe possibile intercettare la manifestazione di una personalità borderline attraverso 3 principali sintomi.

Il primo è se il proprio stato d’animo cambia spesso all’improvviso. Di fatti, le persone che hanno qualche sintomo di disturbo borderline della personalità sono sensibili al loro ambiente di riferimento, e dunque a tutto ciò che accade nel loro lavoro, nella loro vita e nelle loro relazioni. Una persona con un disturbo borderline della personalità, per esempio, ha difficoltà a distinguere tra il flusso e il riflusso quotidiano della vita e le situazioni che sono direttamente collegate a loro, reagendo dunque in modo eccessivo a qualcosa di apparentemente minore, come perdere l’autobus.

In secondo luogo, è possibile che anche gli interessi e i valori cambino improvvisamente. Le persone con tale disturbo vedono la loro personalità come malleabile, e spesso non sono del tutto sicuri di chi sono o chi vogliono essere. A sua volta, questo li rende rapidi nel cambiare i loro interessi e valori, divenendo influenzati da persone o fattori esterni. Read more


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... 87 88   Next »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi