Nuvole basse e scure: pioverà?

Posted on by andrea in Consigli utili Lascia un commento

tree-832079__340Nubi basse e scure che sembrano preannunciare grandi piogge. Nel corso della giornata invece si presenta una leggera pioggerellina, o addirittura nessuna precipitazione. Le motivazioni di questi eventi dipendono dal tipo di nubi che si osservano in cielo: il colore scuro e minaccioso non è necessariamente dovuto alla pioggia, nonostante il nostro istinto ci porti a temere il cielo grigio o color piombo.

Diverse nubi e diverse altezze

Le nubi hanno nomi differenti a seconda della loro forma e della loro altezza rispetto al suolo. Tutte le nuvole che vediamo in cielo sono degli aggregati di minuscole goccioline di acqua, in forma liquida o solida a seconda dei casi. L’acqua e l’umidità sono naturalmente sempre presenti nell’aria, la riusciamo a vedere quanto un’ampia quantità di goccioline si aggrega, o quando i venti e le temperature ne causano la risalita o il congelamento. Le diverse forme di nubi hanno nomi differenti, che indicano solitamente la loro conformazione; si parla infatti di cumuli, cirri, cirrostrati o stratocumuli. In particolare le nubi scure e minacciose possono appartenere alle diverse forme di nuvola, spesso però si tratta di formazioni non eccessivamente lontane dal suolo, comunemente dette nubi basse.

Diverse forme di nubi basse

Dire che si vedono in cielo nubi basse e scure può non essere sufficiente a descrivere una situazione climatica. In alcuni casi infatti vediamo l’intero cielo ricoperto da ampie nuvole di colore grigio, fortemente stratificate e a sviluppo frastagliato. Si tratta dei nembostrati, di solito portatori di pioggia o neve a seconda della stagione. In realtà la presenza di un nembostrato diffuso può non essere una diretta foriera di neve: la nube è carica di acqua, ma solo con vento e condizioni climatiche favorevoli produrrà una pioggia costante e duratura nel tempo. I forti venti potrebbero spostarla prima che arrivi allo stadio in cui comincia a precipitare. Le nubi basse e scure di cui dobbiamo invece avere timore sono i cumulonembi, soprattutto se nella parte alta prendono le forme di un’incudine: quando raggiungono la perpendicolare sopra la nostra testa possiamo essere certi che saremo prede di un forte temporale, come avviene ad esempio in estate, dopo alcuni giorni di caldo torrido. Queste nubi sono infatti caratterizzate da forti correnti ascensionali, che spesso sono dovute al calore del terreno, che differisce di molto dal fresco del ghiaccio presente nelle nuvole.

Strati e stratocumuli

Tra le nubi basse e minacciose che più spesso possiamo vedere nei nostri cieli strati e stratocumuli sono tra i più diffusi. Gli strati sono compatti e, come dice il nome, hanno uno sviluppo orizzontale, a strati appunto. Sono tipiche delle lunghe giornate autunnali e invernali e possono provocare deboli piogge, ma non necessariamente. Gli stratocumuli hanno un andamento più frastagliato e scarsamente definibile; possono arrivare all’improvviso a coprire il cielo trasportate dai venti, oppure si possono presentare più lentamente coprendo tutto il cielo. In alcune occasioni uno stratocumulo può rovesciarsi in uno scroscio di pioggia; molto spesso però, nonostante il colore poco raccomandabile, lo stratocumulo non porta neppure una goccia di acqua, ma solo un cielo grigio e triste.

Piove o non piove?

Tutte le nubi portano al loro interno minuscole goccioline di pioggia o di ghiaccio. Se il loro sviluppo è molto vicino al terreno non avremo alcuna pioggia, ma solo la tanto temuta nebbia. Una nube che si sposta velocemente molto al di sopra di noi potrebbe essere parte di una grande perturbazione, ma la pioggia probabilmente non arriverà nel breve periodo. Perché si sviluppi una pioggia forte, intensa e duratura, è necessario che la copertura nuvolosa persista per un certo periodo sulla nostra perpendicolare. Spesso quando vediamo le nubi esse sono a grande distanza e i venti potrebbero trasportarle altrove.


Sicurezza sul lavoro, infortuni in calo

Posted on by andrea in Lavoro Lascia un commento

work-boots-889816__340La capacità di prevenire gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, analizzando costantemente e attentamente i possibili fattori di rischio, è un elemento fondamentale per un’efficace sistema di gestione integrata di qualità, salute e sicurezza, sia sul luogo di lavoro sia per l’ambiente, in linea con le norme UNI EN ISO 9001:2015, UNI EN ISO 45001:2018 e UNI EN ISO 14001:2015. Read more


Tipologie di tende da esterno

Posted on by andrea in Consigli utili Commenti disabilitati su Tipologie di tende da esterno

tenda da esternoIl mercato delle tende da sole da esterno mette a disposizione dei consumatori un vasto assortimento di opportunità, con tipologie differenti in grado di assecondare le esigenze più diverse: si spazia dai modelli per i giardini ai prodotti per i cortili, senza dimenticare quelli per i balconi. Le tende da sole non hanno unicamente il compito di rinfrescare, ma si caratterizzano anche per un impatto notevole dal punto di vista estetico. Read more


Risparmio e investimenti: caratteristiche e differenze

Posted on by Eleonora De Giorgio in Finanza Commenti disabilitati su Risparmio e investimenti: caratteristiche e differenze

Spesso di parla di risparmi e investimenti in maniera troppo superficiale. E chi si avvicina per la prima volta a questo mondo tende addirittura a confondere tali termini, in realtà molto diversi tra di loro. Ma perché?

Innanzitutto, il risparmio è definibile come l’eccedenza delle entrate rispetto alle spese. Generalmente, il risparmio si accumula nel proprio conto di risparmio o in libretti di deposito presso una banca o presso le poste. Il denaro qui depositato sarà molto sicuro, tutelato dal fondo di garanzia interbancaria, e a volte sarà possibile guadagnare un piccolo tasso di interesse sul capitale depositato. Per sue caratteristiche, il capitale così depositato può essere ottenuto in mano come e quando necessario, assicurandosi così la più alta liquidità. D’altra parte, questo denaro potrebbe però  essere almeno in parte investito per raggiungere obiettivi a lungo termine. Mentre alcuni investimenti possono aumentare o diminuire di valore nel tempo, investimenti prudenti permetterebbero al risparmiatore di ottenere più interessi di quelli che potrebbe ottenere con un tradizionale conto di risparmio bancario. Read more


Quanto investire sul Forex?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Forex Commenti disabilitati su Quanto investire sul Forex?

Il Forex trading è un mercato accessibile… come nessun altro! Per i trader che cercano di iniziare a fare trading sul forex, infatti, le barriere all’ingresso da superare sono meno numerose e meno sostanziali di qualsiasi altra forma di trading e, di conseguenza il Forex continua proprio per questo ad attirare un crescente numero di nuovi trader alla ricerca del successo sul mercato finanziario. In termini di risorse, il grado di leva finanziaria offerta ai trader Forex significa che si ha bisogno di molto poco capitale per iniziare, e a seconda dei livelli di rendimento che state cercando di raggiungere, l’investimento nel Forex può addirittura essere comparativamente inferiore a quello che sarebbe facilmente necessario per ottenere un reddito dal trading su altri mercati e strumenti finanziari. Read more


Le tipiche chitarre indiane: strumenti musicali originali

Posted on by andrea in Musica Commenti disabilitati su Le tipiche chitarre indiane: strumenti musicali originali

chitarraLa musica indiana ha suoni molto particolari, che la rendono assai diversa da quella occidentale. Per poter eseguire le complesse melodie indiane è necessario avere a disposizione appositi strumenti, che consentono di ottenere suoni glissati e particolari, alcuni molto simili a quelli ottenibili con la tecnica slide utilizzata nel blues del nord America. Sembra per altro che il blues abbia preso questo tipo di suono proprio dall’India. Ci riferiamo alla chitarra indiana al plurale perché esistono delle chitarre molto antiche, che fanno parte della tradizione indiana sin dal XIII secolo, come il Sitar o il Surbahar. In più verso la fine del XX secondo, a partire dal 1950, è nata anche una chitarra indiana che ricorda molto da vicino quelle europee, con l’aggiunta di alcune corte atte a dare vita alle tipiche sonorità indiane. Read more


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... 89 90   Next »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi