Cos’è un ordine stop nel trading online

Posted on by Eleonora De Giorgio in Finanza, Forex Commenti disabilitati su Cos’è un ordine stop nel trading online

Quando si impartisce al proprio broker l’ordine di acquistare o vendere un titolo, lo si fa generalmente mediante un market order o un limit order: nel primo caso si vuole concludere l’operazione al prezzo corrente di mercato, mentre nel secondo caso solamente nel momento in cui si renderanno disponibili le giuste quantità del titolo al prezzo desiderato.

Ebbene, c’è anche una terza opportunità a disposizione di tutti i trader: l’ordine stop. Ma di cosa si tratta?

Brevemente, l’ordine stop è l’esatto opposto dell’ordine limit. Ovvero, il trader inserirà la propria richiesta sul book a un livello a scelta, e l’ordine sarà eseguito solo se quel prezzo viene raggiunto. L’ordine stop di acquisto va inserito naturalmente a un prezzo maggiore rispetto a quello battuto mentre, di contro, un ordine stop di vendita dovrà essere inserito a un prezzo inferiore rispetto all’ultimo battuto.

Le conseguenze di quanto sopra sono ben immaginabili: nel momento in cui il prezzo arriva al livello di stop indicato, scatta un trigger che attiva l’inoltro automatico dell’ordine a mercato. Alcuni mercati e alcune piattaforme di trading consentono inoltre di inserire ordini stop limit e stop market, in grado di distinguersi tra di loro per il fatto che allo scattare del trigger viene inoltrato a mercato un ordine con limite di prezzo nel primo caso o market nel secondo.

Per quanto concerne la loro utilità, non sfuggirà anche al trader meno esperto che di norma gli ordini rientranti nella categoria degli ordini stop vengono utilizzati in primo luogo per inserire gli stop loss, oppure per gestire breakout di livelli importanti.


Previsioni Bitcoin, la valuta si riprenderà ma… non subito

Posted on by andrea in Finanza Commenti disabilitati su Previsioni Bitcoin, la valuta si riprenderà ma… non subito

bitcoin previsioniI prezzi delle principali criptovalute continuano a oscillare in misura vistosa, e a recenti guadagni sono corrisposti altrettanto recenti scivoloni, con il Bitcoin che è tornata sotto quota 7.000 USD, in un contesto in cui il sell-off continua a prevalere, e alcuni trader più fiduciosi trattengono il fiato. Le oscillazioni dei prezzi delle criptovalute nell’ultima settimana sono tuttavia state indicative di un mercato più ampio, caratterizzato da un trade piuttosto volatile, e turbato da notizie esogene. Read more


Mutui di liquidità: dove ottenerli e condizioni

Posted on by andrea in Finanza Commenti disabilitati su Mutui di liquidità: dove ottenerli e condizioni

liquiditàIl concetto di mutuo designa quei finanziamenti che riguardano l’acquisto di una casa. Quando tale casa è quella di residenza di chi richiede il mutuo le condizioni sono particolarmente favorevoli, con tassi di interesse tra i più bassi oggi ottenibili. Molti non lo sanno ma chi possiede un’abitazione può richiedere un cosiddetto mutuo di liquidità, approfittando di condizioni simili a quelle dei prestiti per l’acquisto della prima casa. Questo tipo di finanziamento è di particolare interesse quando comporta l’ottenimento di cifre elevate, lo è meno quando le necessità sono inferiori ai 30.000 euro. Read more


Petrolio, scorte americane calano meno del previsto

Posted on by Eleonora De Giorgio in Finanza Commenti disabilitati su Petrolio, scorte americane calano meno del previsto

forexStando a quanto affermano le ultime statistiche formulate dal Dipartimento di energia degli Stati Uniti (DOE), la scorsa settimana le scorte di greggio del Paese sono diminuite meno di quanto previsto dalle stime di consenso riportate da Bloomberg, a causa di un aumento del livello nazionale di produzione e delle maggiori importazioni.

Ne risulta che Le scorte di greggio sono diminuite di 1,07 milioni di barili (mb) a 411,58 mb (-0,3 per cento su settimana e – 15,7 per cento su anno) rispetto a una contrazione prevista di 2,00 mb. A Cushing, stock diminuiti di 2,40 mb a 39,24 mb (-7,4 per cento su settimana, -40,0per cento su anno). Gli stock di benzina negli Stati Uniti sono aumentati più delle attese, in espansione di 3,10 mb a 244,04 mb (+ 1,3 per cento su settimana, -3,6 per cento su anno) rispetto a una prevista espansione di 2,20 mb. Le scorte di distillati sono aumentate inaspettatamente, crescendo di 0,64 mb a 139,84 mb (+ 0,5 per cento su settimana, -17,3 per cento su anno), contro attese di contrazione di 1,10 mb. Read more


Borse USA, Wall Street chiude in calo

Posted on by Eleonora De Giorgio in Finanza Commenti disabilitati su Borse USA, Wall Street chiude in calo

forexChiusura in calo per Wall Street: la Borsa statunitense aveva maturato un avvio in incoraggiante rialzo, ma ha poi dovuto ripiegare nel corso della seduta in scia a maggiori realizzi da parte degli investitori. In questo contesto, comunque, l’indice Dow Jones è riuscito a violare il livello di 26.000 punti e l’S&P500 ha infranto quello di 2.800 punti, grazie all’entusiasmo per nuove indicazioni incoraggianti sul fronte dei risultati societari.

I nuovi record storici hanno tuttavia condotto gli operatori – come sopra avevamo già avuto modo di accennare – ad accentuare le prese di profitto, in uno scenario che risulta caratterizzato da un maggior ottimismo circa la crescita economica, sostenuta anche nel prossimo futuro dagli effetti della nuova riforma tributaria. I livelli che sono stati così conseguiti dai principali indici a stelle e strisce potrebbero però lasciare spazio nel breve termine a un incremento della volatilità accompagnato da ritracciamenti fisiologici. Read more


Valutazione di adeguatezza MiFID II

Posted on by Eleonora De Giorgio in Finanza Commenti disabilitati su Valutazione di adeguatezza MiFID II

Come noto, lo scorso 3 gennaio 2018 è entrata in vigore la nuova MiFID II, la direttiva europea sui servizi finanziari che sostituisce la precedente direttiva apportando alcune novità piuttosto importanti. Tra di essi, anche la variazione del “test” della clientela, ovvero la c.d. “valutazione di adeguatezza” dell’investimento, che ora prevede la stima di due diversi criteri principali di riferimento: la tolleranza al rischio del cliente e la sua capacità di sostenere eventuali perdite. Read more


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... 20 21   Next »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi