Come possiamo migliorare la capacità di ricordare

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Come possiamo migliorare la capacità di ricordare

Ricordare meglio e più facilmente è il sogno di tutti, studenti e non solo. Ma in che modo è possibile migliorare questa capacità? Come possiamo ricordare più velocemente e più efficacemente?

La soluzione è semplice: disegnare! Fare uno schizzo di qualcosa, anche in modo astratto e non preciso, aiuta a fissare i concetti nella propria memoria e dunque a richiamarli con maggiore immediatezza nel momento del bisogno. Read more


Da cosa dipende la fiducia nelle persone

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Da cosa dipende la fiducia nelle persone

Perché nei confronti di alcune persone proviamo un’immediata fiducia, mentre nei confronti di altre persone un po’ meno (o decisamente meno!). Stando a un recente studio italiano, sono gli occhi del nostro interlocutore a suggerirci se possiamo fidarci di lui oppure no, dando sfogo al nostro istinto di tutela. Più nello specifico, a fungere da determinante in tal senso è la dimensione delle sue pupille: se sono dilatate ci fanno sentire ben disposti nei suoi confronti, ma se si restringono tendiamo ad allontanarci. Read more


Genitori poco affettuosi, ecco quali conseguenze

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Genitori poco affettuosi, ecco quali conseguenze

Quali sono le conseguenze di avere o avere avuto genitori poco affettuosi? A sostenerlo è una recente ricerca secondo cui, in estrema sintesi, genitori poco affettuosi favoriscono nei figli lo sviluppo di una personalità fredda e dai tratti anche aggressivi. Read more


Partorire accresce il rischio di cancro al seno?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Partorire accresce il rischio di cancro al seno?

Le donne che hanno partorito di recente potrebbero andare incontro a un rischio maggiore di sviluppare il cancro al seno, secondo quanto afferma un nuovo studio. Di fatti, sebbene alcune ricerche passate suggeriscano che le donne che hanno figli tendono a sviluppare un rischio di cancro al seno più basso rispetto a coloro che non lo fanno, in realtà un gruppo di ricerca guidato dall’Università del North Carolina Lineberger Comprehensive Cancer Center ha riscontrato come la “protezione” dal cancro può richiedere più di 20 anni dopo il parto per assumere effetto.

In un’analisi di 15 studi prospettici condotti in tutto il mondo, i ricercatori hanno dunque scoperto che le donne che hanno avuto recentemente un bambino sono più a rischio di cancro al seno rispetto alle loro controparti senza figli, (dati pubblicati sulla rivista medica Annals of Internal Medicine). Read more


Malattie cardiache del cane legate agli alimenti senza cereali?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Malattie cardiache del cane legate agli alimenti senza cereali?

Negli Stati Uniti le segnalazioni di insufficienza cardiaca in cani che mangiano alimenti senza cereali stanno scatenando un’indagine della FDA. In particolare, il report dell’istituzione si concentra sull’aumento della cardiomiopatia dilatata canina (DCM), una malattia del muscolo cardiaco di un cane che si traduce in un cuore ingrossato, con la FDA che sta avvisando i proprietari di animali domestici e i professionisti veterinari di una potenziale relazione.

“Nel momento in cui il cuore e le sue camere si dilatano, diventa più difficile per il cuore pompare, e le valvole cardiache possono fuoriuscire, portando ad un accumulo di liquidi nel torace e nell’addome. Spesso il DCM si traduce in insufficienza cardiaca congestizia” afferma la FDA.

Se intercettato presto, i funzionari sanitari sostengono che il problema possa permettere alla funzione cardiaca di migliorare nei casi che non sono legati alla genetica. Read more


Depressione e cibo spazzatura, quali collegamenti?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Depressione e cibo spazzatura, quali collegamenti?

Mangiare cibo spazzatura aumenta il rischio di diventare depressi? Secondo quanto rivela un nuovo studio, la risposta potrebbe essere positiva, aprendo dunque nuovi margini di valutazione sul collegamento che potrebbe esistere tra il junk food e la depressione.

Per quanto concerne l’analisi di cui ora ci occuperemo, rammentiamo come team di ricercatori in Gran Bretagna, Spagna e Australia abbiano analizzato i dati di 41 studi multi-paese, trovando la possibilità  di collegare l’assunzione di cibi malsani con l’infiammazione cronica associata allo sviluppo della depressione clinica.

In particolare, gli alimenti trasformati ad alto contenuto di grassi portano all’infiammazione attraverso l’apparato digerente, arrivando fino al cervello e colpendo i neurotrasmettitori incaricati di regolare l’umore – afferma lo studio. Questa infiammazione sistematica ha effetti simili sul corpo come l’obesità, l’inquinamento e la mancanza di esercizio fisico, secondo gli autori dello studio. Read more


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... 14 15   Next »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi