6 strategie a lungo termine per affrontare l’ansia

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su 6 strategie a lungo termine per affrontare l’ansia

Se l’ansia ha iniziato ad essere una parte regolare della tua vita, allora è importante trovare strategie di trattamento utili per aiutarti a tenerla sotto controllo. Spesso la “ricetta” è quella di usare una combinazione di cose, come la meditazione o l’esercizio fisico. Se non sei sicuro di dove iniziare, è sempre utile discutere le opzioni con uno psicologo che potrebbe suggerire qualcosa a cui non avevate pensato prima.

Di fatti, la prima strategia non può che essere quella di identificare i fattori scatenanti dell’ansia. A volte possono essere evidenti, come la caffeina, il consumo di alcol o il fumo. Altre volte possono essere meno evidenti. Problemi a lungo termine, come situazioni finanziarie o di lavoro, potrebbero essere altre determinanti. Una volta individuato il fattore scatenante, dovresti cercare di limitare la tua esposizione ad esso, se possibile. Se non puoi limitarlo puoi usare tecniche di coping per trovare il giusto aiuto. Read more


Infertilità, non solo un problema femminile

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Infertilità, non solo un problema femminile

L’infertilità può essere comunemente definita come l’impossibilità a concepire (rimanere incinta) dopo un anno (o più) di sesso non protetto. Poiché la fertilità nelle donne è nota per diminuire costantemente con l’età, alcuni operatori sanitari valutano la condizione di infertilità nelle donne con almeno 35 anni dopo 6 mesi di sesso non protetto. Le donne con infertilità dovrebbero considerare la possibilità di prendere un appuntamento con un endocrinologo riproduttivo, un medico specializzato nella gestione dell’infertilità, che potrà anche essere in grado di aiutare le donne a superare condizioni particolarmente impattanti, come gli aborti ricorrenti, ovvero l’esperienza di almeno due aborti spontanei.

Prima di parlare di infertilità, è bene tuttavia rammentare che la gravidanza è sempre il risultato di un processo che è suddiviso molte fasi. Per rimanere incinta, infatti, il corpo della donna deve liberare un ovulo da una delle sue ovaie, mentre il seme dell’uomo deve essere in grado di unirsi all’ovulo lungo il proprio percorso. A quel punto l’uovo fecondato deve passare attraverso le tube di Falloppio e attaccarsi all’interno dell’utero (impianto). Read more


Cosa causa la febbre?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Cosa causa la febbre?

La febbre non è una malattia, ma è il risultato della risposta del sistema immunitario ad un invasore “estraneo”. Questi invasori sono principalmente virus, batteri, funghi, farmaci o altre tossine, ma l’elenco è talmente ampio ed esteso che non sarebbe certamente possibile riassumerlo in queste poche righe!

Quel che è certo è che, al di là di quale sia, l’invasore straniero è una sostanza che induce la febbre (chiamato pirogeno), che innesca la risposta immunitaria dell’organismo. I pirogeni segnalano all’ipotalamo nel cervello di aumentare il livello della temperatura corporea per aiutare il corpo a combattere l’infezione: il nostro corpo è infatti talmente intelligente che sa bene che per poter contrastare efficacemente gli invasori, la cosa migliore da fare è innalzare la temperatura corporea e creare così un ambiente inospitale. Read more


Che cos’è la gastrite?

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Che cos’è la gastrite?

La gastrite è l’infiammazione del rivestimento dello stomaco. Tuttavia, purtroppo, il termine “gastrite” è spesso usato impropriamente per includere molti problemi addominali superiori, anche se la vera gastrite si riferisce alla sola mucosa gastrica infiammata. La mucosa gastrica può essere coinvolta in tutto o in parte.

La gastrite può essere classificata come acuta o cronica. La gastrite acuta può essere caratterizzata come erosiva (aree danneggiate in cui le cellule mucose sono disturbate o mancanti) e non erosiva. La gastrite cronica è determinata dall’istopatologia (comparsa della mucosa gastrica) con sintomi che durano a lungo. Non esiste un sistema di classificazione ampiamente accettato, anche se alcuni sono stati proposti più volte nel corso degli anni.

Detto ciò, la gastrite ha evidentemente molte cause, ma la maggior parte delle cause porta a sintomi simili, conducendo così ad una certa confusione e… è la ragione per cui molti operatori sanitari considerano il termine “gastrite” come una descrizione non specifica di un gruppo di sintomi. La gastrite acuta dura circa 2-10 giorni. Se la gastrite cronica non viene trattata, può durare da settimane ad anni. Read more


Malasanità, la quantificazione del danno biologico

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Malasanità, la quantificazione del danno biologico

Qualche giorno fa abbiamo parlato brevemente della sentenza n. 152/2019 del Tribunale di Monza, espressasi su un caso di malasanità, con oggetti chirurgici lasciati colpevolmente nell’addome di un paziente.

Ebbene, uno dei motivi di maggiore interesse della pronuncia del giudice monzese è legato alla quantificazione del danno biologico temporaneo, per la conseguente liquidazione.

Il giudice, riprendendo il meccanismo delineato dal codice delle assicurazioni private e da altri “congegni tabellari”, afferma che l’importo deve essere predeterminato partendo dal dato tabellare (nelle tabelle milanesi è ad esempio pari a euro 98,00, in quelle romane è pari a euro 109,40) da moltiplicarsi per i giorni di inabilità assoluta. Read more


Responsabilità medica, quantificazione del danno per oggetti lasciati nell’addome

Posted on by Eleonora De Giorgio in Salute Commenti disabilitati su Responsabilità medica, quantificazione del danno per oggetti lasciati nell’addome

Nell’addome di un paziente vengono rinvenuti alcuni oggetti metallici, utilizzati durante il precedente intervento chirurgico. Una situazione rara, fortunatamente, ma pur sempre ammissibile nelle ipotesi di malasanità che sono contemplate alla cronaca, anche recente.

Uno degli esempi più emblematici viene ricondotto dinanzi ai giudici del Tribunale di Monza, ai quali si era proprio rivolto un paziente nel cui addome erano state rinvenute alcune graffette metalliche. Il paziente domandava un congruo risarcimento, rendendo così la sentenza n. 152/2019 del Tribunale di Monza la giusta occasione per poter fare il punto sulla quantificazione del danno biologico temporaneo in relazione all’accaduto di cui sopra. Read more


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... 15 16   Next »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi